PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA SENIGALLIA

Stress ed attività lavorativa

Stress ed attività lavorativa

Lo stress, normalmente è una reazione ad una situazione logorante in cui le richieste dell’ambiente e della vita moderna superano le capacità di adattamento e le risorse di una persona.

Lo stress può essere inteso come un sovraccarico di stimoli: chi è stressato deve districarsi fra compiti diversi che gli richiedono competenze diverse e spesso in conflitto fra di loro, ma pur impegnandosi al massimo non riesce a far tutto.

Lo stress sul posto di lavoro si manifesta quando le richieste dell’ambiente di lavoro superano le capacità dei lavoratori che non sono più in grado di affrontarle e gestirle.

Se la situazione di stress diventa cronica a farne le spese è il nostro organismo e possiamo accusare una serie di disturbi.

Fra i più comuni ci sono:

  • sbalzi di umore o cambiamenti nel comportamento, quali ad esempio, situazioni di irritabilità o indecisione;
  • minore rendimento sul lavoro;
  • problemi con colleghi;
  • la sensazione di non farcela o perdere il controllo;
  • stanchezza cronica;
  • caduta dei capelli;
  • senso di oppressione al petto;
  • difficoltà digestive;
  • intestino irritabile;
  • dolori muscolari;
  • altro.

Importante è sapere che lo stress ha un effetto negativo anche sul sistema immunitario e che quando siamo stressati siamo più vulnerabili alle infezioni, alle malattie e allo sviluppo di patologie autoimmuni.

Per superare lo stress non esistono soluzioni magiche. L’unica soluzione valida è quella di modificare, nei limiti del possibile, il proprio stile di vita.

Questi proposti vogliono solo essere dei suggerimenti che ognuno potrà utilizzare in modo diverso a seconda della singola situazione lavorativa.

Un modo consiste nel ricercare delle soluzioni all’interno del contesto lavorativo con il datore stesso parlando in termini neutrali di “miglioramento dei processi lavorativi”.

Si può chiedere l’appoggio al rappresentante sindacale; è possibile che determinati problemi colpiscano anche altri lavoratori.

Si può cercare contestualmente di proporre delle possibili soluzioni, parlandone anche con i colleghi.

Chiedete sempre che nell’ambiente di lavoro le responsabilità e i ruoli siano chiaramente definiti.

Esaminate il lavoro per verificare cosa è veramente necessario fare, cosa può essere delegato ad altri o cosa rimandato.

Se vi sentite mobbizzati, è fondamentale esprimere questo stato d’animo.

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
1

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Testaferrata, 38
347.3638903
scrivi una mail
P.IVA 01346140427
C.F. MGNDNL63D51I608U
Iscr. Ordine Psicologi Marche n. 420

Seguimi sui Social :)

RSS
Seguimi via Email
Facebook
Facebook